• 1-800-123-789
  • info@webriti.com

Benvenuti sul sito della Fondazione Artea

I musei ed i beni artistici sono lo specchio ed il presidio attivo della cultura del territorio, sono la vetrina dell’anima e dell’identità dei luoghi, sono i luoghi fulcro della produzione culturale, vivaci incubatori di idee.

Artea nasce nel 2009 per volontà di Marcovaldo e della Regione Piemonte come progetto di valorizzazione di beni culturali afferenti all’area geografica costituita dall’arco alpino compreso tra le valli monregalesi e la Val Po, area montana integrata con le città di fondovalle.

Artea vuole:
• agire sul piano della valorizzazione e della promozione del patrimonio culturale e dell’area geografica di riferimento attraverso attività di coordinamento;
favorire l’interscambio di informazioni e buone pratiche tra le diverse realtà;
valorizzare il rapporto tra beni culturali e territorio attraverso la promozione di itinerari culturali, attività coinvolgenti che si aprano alla popolazione locale e a collaborazioni con gli attori del territorio;
progettare operando in sinergia con le agenzie del territorio, con il mondo produttivo e in stretta collaborazione con gli enti locali, a partire dalla Regione;
• aiutare a rafforzare, tra gli operatori del territorio, una sensibilità della progettazione culturale che sia inclusiva, partecipativa, attenta alla sostenibilità economica e sociale, professionalizzante e capace di far reagire le vocazioni dei territori con i linguaggi e le istanze della contemporaneità;
sviluppare l’audience passando attraverso a una politica culturale in cui la qualità degli eventi sia l’elemento fondante della strategia progettuale;
• sviluppare l’audience engagement attraverso il coinvolgimento delle associazioni, delle imprese culturali e dei cittadini del cuneese per aumentare l’inclusione e il bacino di collaborazioni, progredendo da una fase di fruizione a una di crescita e di condivisione di pubblici con i soggetti impegnati nell’attività di sviluppo del territorio;
massimizzare le risorse e gli impatti, cogliendo le opportunità dentro e fuori il territorio, sviluppando un’adeguata strategia di fundraising per attrarre contributi e donazioni da parte degli enti promotori e dall’Europa in un territorio che ha dimensione transfrontaliera;
• agire perché la comunicazione giochi un ruolo strategico: l’immagine coordinata e la comunicazione condivisa contribuiranno a identificare come un insieme unitario l’aggregazione omogenea, in un’ottica di storytelling efficace di un intero territorio;
• dare vita a quelle forme di sinergie virtuose tra la fondazione e altri soggeti culturali e musei, archivi, gallerie, centri di ricerca, università, mezzi stampa in modo da stimolare non soltanto uno scambio reciproco di competenze, ma da dare impulso più ampio al sistema.